Le mura di Bergamo e la guarnigione veneta fra 500 e 600

Luca Stefano Cristini, Pages: 80, Colour plates: 20, Italian with english caption and text of colour plates


 

20,00

WIC 003
In stock
+

Correva l'Anno del Signore 1590. Così scriveva un soddisfatto e pago Alvise Grimani, l'allora comandante veneto della piazza di Bergamo, al termine dei lavori di realizzazione degli oltre cinque chilometri di mura porte e bastioni : "La città  è tutta serrata con baluardi e i suoi membri quasi tutti terrapienati, compite le piazze, i parapetti e le traverse per coprirsi dalle vicine colline e la fortezza col circuito di tre miglia è bellissima". Bergamo, lo possiamo affermare senza tema di smentita, è una bellissima città; essa vanta un notevole numero di vestigia, monumenti, curiosità  ecc. Tuttavia ciò² che la rende universalmente nota e unica è certamente il suo fantastico skiline. Un'ideale scenografia in cui si specchia una città  lussuosamente piazzata su ameni colli, abbracciata da quella favolosa corona che sono le sue mura venete, a loro volta impreziosite da una splendida cortina di alberi tutt'attorno. In questo libro tuttavia, si racconta anche della Bergamo esistente prima delle mura rinascimentali. Quando a far da anello protettivo alla città  orobica, ci pensavano le fortificazioni romane prima e quelle medievali poi.

Luca Stefano Cristini
80
20
Italian with english caption and text of colour plates
Soldiershop

No posts found